Set Point


Che partita!



L'intestazione rende perfettamente l'idea: che partita!
In un palazzetto con la gradinata di fronte alla panchina di casa gremita e quantomai rumorosa e festante, il Busalla targato SAR si impone alla fine di una gara intensa ed incerta per tutti i 40 minuti su una Fortitudo Savona mai doma.
Partono bene gli ospiti, giunti in valle con 7 giocatori e ruotando in soli 6 effettivi (uno dei leit-motiv della serata), ma i ragazzi di coach Zerbo non perdono la bussola e rimangono sempre a contatto, aggrappandosi prima a Boccardo che con 8 punti in fila impensierisce la difesa dei rivieraschi e mettendo poi per la prima volta la testa avanti poco prima dell'intervallo lungo con la tripla del Gus Marcucci che manda le squadre degli spogliatoi sul 39-38. 
Il terzo quarto vede un preoccupante periodo di stasi per i ragazzi in maglia bianca e gli ospiti arrivano al massimo vantaggio sul 47-54, però a quel punto si palesa l'ennesimo eroe che non ti aspetti: il millennial Mei, più giovane in campo, schierato dal visionario coach come esterno per guastare la zona della squadra della città dei papi e del chinotto, prima segna nel traffico e poi ruba palla sulla seguente rimessa e realizza di nuovo. 4 punti in 10 secondi, svantaggio rientrato dal -7 ad un più gestibile -3, e palazzetto in visibilio. 
Il quarto periodo vede brillare i playmaker, fino a quel punto un po' in ombra: prima Guardiani mette la museruola al miglior marcatore avversario, concedendogli solo 2 punti nei primi 7 minuti e rubandogli 3 palloni dal peso specifico molto simile a quello dell'uranio, poi Casonato lasciato colpevolmente libero in punta realizza la tripla del 71 pari dopo un buon inizio di frazione da parte degli ospiti che ha visto i nostri inseguire con anche un po' di affanno. Il palazzetto a quel punto è una bolgia, e coach Zerbo ed il vice-amuleto Gallo sembrano aver trovato la quadratura del cerchio: Casonato a dirigere, Scala a scardinare la zona avversaria con le sue classiche penetrazioni e Federico Mazzorana ed il condor Facci a fare il lavoro sporco sotto ai tabelloni, facendo legna e guadagnando rimbalzi.
Ed il quinto? Il quinto, tra tanti eroi che non ti aspetti, è innegabilmente l'eroe di giornata. Parafrasando l'irraggiungibile Mario Ferretti, grande radiocronista di ciclismo del secolo scorso, "Un uomo è solo al comando, la sua maglia è bianco-celeste, il suo nome è..." Simone Mazzorana. La mano dell'ala di Cravasco sembra baciata dalla fortuna e, seppur il 18 tiri per segnarne almeno una settantina, piazza 29 punti con 6 triple che risultano a dir poco determinanti per mantenere l'imbattibilità casalinga e per dare la possibilità ai valligiani di chiudere il discorso già mercoledì prossimo a Savona (ad onor del vero tutto questo è successo dopo aver rischiato di esser piantato dentro ad un muro dal fratello più piccolo, quando la frazione segnati/tirati si aggirava intorno al 2 su 25...).
A quel punto si gioca punto a punto fino all'1 su 2 dalla linea della carità del Mazzorana piccolo per il 78-77, le maglie difensive si stringono fino a recuperare il pallone e nell'ultima azione, dopo un importantissimo canestro di Facci per il + 3 il tiro avversario finisce corto e la gioia esplode incontenibile tanto in campo quanto sugli spalti.


I ragazzi di capitan Repetto hanno comunque goduto del vantaggio di ruotare in 11, dove tutti hanno dato il loro importantissimo contributo, rispetto ai 6 di Savona, e del giocare in un palazzetto che definire caldo sarebbe riduttivo: ragazzi delle giovanili, amici, genitori, nonni, una figlia, c'erano veramente (quasi tutti) a Sarissola e si è visto e soprattutto sentito. 

In vista della partita di mercoledì, per dare la possibilità ai nostri meravigliosi tifosi di sostenere la squadra e parimenti per dare la possibilità alla squadra di godere del supporto del proprio fantastico pubblico, si sta valutando l'idea di affittare un pullman per la trasferta a Savona, con partenza ed arrivo da/a Busalla e tappa a Genova, per maggiori info chiedere ai dirigenti o ai ragazzi della prima squadra. La finale è solo a un passo, a farlo insieme c'è più gusto!


SAR Busalla - Savona
80 - 77 ( 20-23/39-38/51-54)

Busalla: Casonato 10, Scala 6, Mei 6, Repetto 2, Malerba, Facci 5, Boccardo 8, Mazzorana S. 29, Guardiani, Marcucci 5, Mazzorana F. 9. Coach: Zerbo, Gallo.



Articolo tratto da: ASD PALLACANESTRO BUSALLA - http://pallacanestrobusalla.it/
URL di riferimento: http://pallacanestrobusalla.it/index.php?mod=none_News&action=viewnews&news=1558100511