Game over

Argomento: PrimaSquadra

Ci fermiamo a un passo dalla finale



Ebbene sì, mestamente il campionato 2018/19 per il Busalla targato SAR si ferma alla semifinale. 
Dopo la vittoria al cardiopalma di gara 1, i ragazzi di coach Zerbo hanno perso mercoledì gara 2 a Savona e venerdì sono incappati nella prima, ma fatale, sconfitta tra le mura amiche del palazzetto di Sarissola. 

La cronistoria delle due partite che hanno determinato l'eliminazione dei valligiani è piuttosto simile, con i savonesi a spingere sull'acceleratore ed i nostri ad inseguire com grande generosità e senza mai mollare ma purtroppo inutilmente: a Savona addirittura gli uomini capitanati da Repetto erano partiti in vantaggio subendo però il ritorno dei padroni di casa, ed erano riusciti a rientrare da uno svantaggio di 10 punti fino al -4 di metà terzo quarto, quando però un infortunio costringeva Casonato ad alzare bandiera bianca ed i rivieraschi prendevano il largo nonostante la buona prova del baby Mei (miglior marcatore di giornata con i suoi 14 punti). In gara 3 invece i savonesi hanno preso il controllo delle operazioni dall'inizio della partita e non hanno più lasciato il comando nonostante la pressione a tutto campo dei padroni di casa, desiderosi di non abbandonare la posta in palio senza combattere con le unghie e con i denti davanti al proprio pubblico; i busallesi però purtroppo hanno risentito degli acciacchi di gara 2 e non sono mai stati veramente in partita, nonostante una difesa a tutto campo a tratti commovente. 

Nulla da recriminare in sostanza, la Fortitudo ha meritato la finale per quanto visto nella somme delle 3 gare, e le tre coppie arbitrali non sono mai state influenti.
Rimane lo scoramento per aver alzato bandiera bianca ad un nulla dal bersaglio grosso, ma considerando che ad inizio campionato l'obbiettivo che ci si era posto era quello di provare ad arrivare ai playoff facendo crescere il gruppo ed i giovani, non si può che essere soddisfatti.

A nome della squadra quindi non si possono che fare alcuni doverosi ringraziamenti:

in primis a coach Zerbo, che con 9 schemi di attacco contro la uomo, 5 contro la zona, 2 difese a zona e 2 zone press probabilmente pensava di allenare una squadra di Lega A e non di Promozione ma che è sicuramente il principale artefice di questa meravigliosa cavalcata, ed al suo vice Gallo, tanto odiato ad inizio anno in veste di preparatore atletico quanto amato alla fine nei panni del fido consigliere, quasi bramato in panchina nelle sfide importanti.


Secondariamente alla dirigenza, specialmente nelle persone di Giulio Malerba, Riccardo Cavargna, Silvano Repetto ed Alessandro Rossetto, che sono stati sempre vicini alla squadra ma mai in maniera invadente, lasciandoci liberi di esprimerci al meglio e consentendoci di preoccuparci solo di giocare ma essendo presenti nel momento in cui chiunque della rosa lamentasse un problema; assieme a loro menzione d'onore per gli sponsor, sia quello della prima squadra che quelli che supportano le giovanili, per averci sostenuto ed averci aiutato a giocare senza doverci auto-tassare per farlo, episodio quantomai raro a queste latitudini. 

Terzo ringraziamento va fatto ai ragazzi delle giovanili, dal primo all'ultimo, dal più piccolo al più grande. L'idea di essere "la prima squadra" per un nutrito gruppo di ragazzi ci ha dato sicuramente una spinta in più durante tutta la stagione. Qui come non citare Jeffry Antonio, Pietro Tim Firpo, Andrea Claudio Costa, Umbe Piepoli e Matte Cavargna (in rigoroso ordine di nascita), i giovani aggregati alla prima, che ci hanno consentito di allenarci adeguatamente anche nei momenti di difficoltà numerica. Sono stati bistrattati come si conviene ad ogni bravo under ma non hanno mai mollato, e sicuramente quest'esperienza li aiuterà ad accusare il meno possibile il passaggio tra i campionati giovanili ed i senior in un futuro molto prossimo. 

Last but not least, un ringraziamento speciale va a tutte le persone che sono venute anche solo una volta a sostenerci al palazzetto, per non parlare di quelle che ci hanno seguito anche in trasferta. Genitori, mogli, fidanzate, nonni, figlie, amici, tutti i ragazzi della squadra che ha fatto il campionato UISP, semplici appassionati ed anche persone che, leggendo del nostro campionato perfetto fino al brusco epilogo, hanno deciso di venire al palazzetto per sostenere la squadra del paese. 
Aver avuto 150 persone sugli spalti per la partita più importante della stagione è per noi motivo di orgoglio e di vanto.

Grazie, infinitamente grazie.


Scritto da Smoove31, Lunedi 27 Maggio 2019 - 16:38 (letto  335 volte)
Comment Commenti? Print Stampa

Commenti

Comment Aggiungi commento



Le ultime notizie relative a questo argomento

News Game over (27/05/2019 - 16:38, letto 336 volte)
News Set Point (17/05/2019 - 15:41, letto 455 volte)
News Semifinale! (08/05/2019 - 17:06, letto 365 volte)
News Chi ben comincia... (04/05/2019 - 18:10, letto 364 volte)
News Una buona giornata (06/04/2019 - 18:40, letto 604 volte)

Tutte le notizie relative a questo argomento
PrimaSquadra.png
 
Login





Choose your language:
deutsch english español français italiano português
 
Prossime gare

Ultimi Risultati   IN ALLESTIMENTO
 
Sponsor

 CLICCA SUI LOGHI PER ACCEDERE AL SITO

 

 

 

 

 

  

 

 

 
Utenti
Persone on-line:
admins 0 amministratori
users 0 utenti
guests 8 ospiti
 
Statistiche
Visite: 86236
Oggi:

FlatNuke Valid HTML 4.01! Valid CSS! Get RSS 2.0 Feed Mail me!
This is a free software released under the GNU General Public License.
Page generated in 0.0413 seconds.